ESCLUSIVA ICF – Ag. Picco: “Cuciniello da Serie A. Su Asta, Ligi e Becchimanzi…”

Da Giulia Asta dell’Orobica a Paola Cuciniello del Cesena, passando per Ligi del Ravenna e Becchimanzi del Bologna: talenti italiani che stanno crescendo molto, assistite dal Manager Andrea Picco, che la redazione di IlCalcioFemminileICF.com ha intervistato in esclusiva. Tra gli argomenti sul tavolo c’è anche il futuro delle “sue” giocatrici.

SULLA SERIE A

“La Juventus ha la rosa piu forte ed è normale che sia lì davanti alle altre. Sta crescendo bene anche il Milan, che come rosa non ha nulla da invidiare: rispetto alla Juve manca solo un po’ di esperienza – il gap potrebbe essere colmato con qualche colpo ben assestato. Credo che saranno le rossonere le seconde classificate”.

“La Roma? Ha tante giocatrici interessanti, che crescono bene – da Bonfantini a Serturini -, ma è mancata esperienza: il prossimo anno faranno un campionato di livello, ne sono convinto. Fiorentina? E’ stata un po’ la delusione del campionato. A parte Sabatino, a livello realizzativo c’è ben poco. Mi piace Sara Baldi, che si sta facendo vedere bene. L’estate scorsa avrei puntato più su giocatrici italiane che su tutte queste straniere, che all’arrivo sono esposte come campionesse ma poi non fanno benissimo”.

“Parlando di club che invece puntano sulle italiane, mi è piaciuta la politica dell’Empoli che ha lanciato molte giovani e ha fatto un ottimo campionato: nonostante una rosa meno importante della Fiorentina sono lì vicino in classifica”.

“Da chi mi sarei aspettato di più? Dall’Inter e dal Napoli. Le nerazzurre stanno crescendo e hanno ottimi margini di miglioramento. Come li hanno anche le partenopee, che hanno però preso troppe straniere, alcune delle quali sono già state vendute o prestate in B, come Martinez e Mushtaq. E non avrei mandato via tutte quelle italiane in estate”.

SULLA SERIE B

Pomigliano? In estate, mentre facevano mercato, parlavano di Serie A. All’inizio ero un po’ scettico, ma con il tempo mi sono ricreduto e ho fatto bene a farlo. Guardando la squadra giocare, sono “cattive”: lottano di puro agonismo. E senza prime donne. Puntando una causa comune hanno ottenuto quello che volevano”.

“Il Como, invece, è un mistero: la B quest’anno è stata una sorpresa via l’altra. Un mese fa, quando il presidente ha avuto quello sfogo, non aveva tutti i torti: qualche giocatrice, secondo me, ha pensato di essere piu forte delle altre. Ma onestamente non so cosa non abbia funzionato”.

“Le ‘mie’ sorprese? Cesena e Ravenna. Hanno lottato per la promozione fino alla fine: sono due squadre giovani e italiane. La dimostrazione che si può fare bene anche senza un super budget”.

SU GIULIA ASTA

“Quest’anno sta facendo vedere ottime cose in Serie B. E’ partita bene in autunno con Perugia sulla fascia sinistra. Ora è titolare all’Orobica e all’occorrenza in ruoli che non sono suoi – ha fatto anche la prima punta, lei che nasce fascia. Voliamo bassi e valutiamo il futuro: lei a Bergamo si trova bene, ma aspettiamo la fine della stagione. Personalmente, mi piacerebbe vederla in una squadra che possa valorizzarla sulla fascia, nel suo ruolo naturale: è giovane e il prossimo anno sara fondamentale per la sua crescita”.

SU NINA LIGI

A inizio anno è partita bene ed è stata prima riserva delle tre centrocampiste del Ravenna. E’ una 2002… giovanissima. Nell’ultimo periodo, vista la necessità di esperienza nei piani alti della classifica, sta giocando meno. Ha una carriera importante davanti e andremo a parlare con il Ravenna. Lì è a casa sua, in un’ottima società. Ma vorrei vederla titolare – se non sempre, quantomeno più spesso. Vediamo che garanzie ci daranno. Non abbiamo interesse ad andare via, ma abbiamo interesse a vederla giocarsi le sue carte“.

SU PAOLA CUCINIELLO

“A mio parere è pronta per il salto di categoria dalla B alla A. Ma sarà difficile inserirla in massima serie: speriamo comunque le squadre di A l’abbiano vista e abbiano constatato le sue qualità, tecniche ma anche morali. Si mette sempre a disposizione, con impegno e dedizione. E’ forte fisicamente. Una giocatrice di spinta strutturata, alta e pericolosa sugli angoli. Quest’anno ha segnato 2 gol. E teniamo a mente che è una ’97. Insomma, puntiamo alla Serie A”.

SU SARA BECCHIMANZI

“Adesso è ferma ai box per infortunio, ma è un terzino capace. Vedremo che opportunità ci saranno nel mercato. Prima dell’infortunio ha giocato da protagonista in un Bologna da promozione; ora aspettiamo di capire come tornerà”.

di Luca Bendoni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...